Tutto ciò che resta T.R. Richmond

Un fatto di cronaca, la morte della giovane Alice trovata annegata nel fiume narrato attraverso notizie estratte da post, email, articoli,  blog e quant’altro come nella prassi attuale di comunicazione. Da tutte queste informazioni si deducono il tipo di persona, i suoi contatti e il genere di vita che ha fin qui condotto. Il “raccoglitore “ di tutti i dati … Continua a leggere

Il morso della reclusa

Oggi il mio viaggio-lettura mi porta in Francia a Parigi per seguire le avventure del commissario Jean-Baptiste Adamsberg e della sua squadra dell’anticrimine. Non sto a raccontare la trama del libro Il morso della reclusa di Fred Vargas, basta andare su internet per questo, ma cerco l’ appiglio per approfondire la mia conoscenza dei luoghi, dei protagonisti, che considero come … Continua a leggere

I libri che ho letto nel 2017

Immagine

Ho vissuto un anno molto ricco per quanto riguarda la lettura, infatti sono ben 52 i libri, che ho letto ,per la maggior parte gialli, ma anche qualche bel romanzo. Ho pensato di riunire titoli e recensioni innanzitutto per tenere sotto controllo la mia biblioteca e poi per poter condividere più facilmente le mie esperienze letterarie con gli amici o con chi, come me, ama dedicarsi a questo hobby più che al gioco del burraco, ad esempio. Ho scoperto che avendo poca memoria elencare i titoli e le copertine dei vari volumi acquistati mi aiuta a ricordare trame, autori e personaggi . Per qualcuno ho aggiunto alcune righe di commento.

  1. Stockholm confidential di hanna lindberg
  2. Quello che non uccide di david lagercrantz
  3. Buone feste alex cross di james patterson
  4. Dicembre è un mese crudele di elizabeth george
  5. L’angelo di neve di ragnar jonasson
  6. Peccato mortale di james patterson
  7. La scelta decisiva di charlotte link
  8. L’apparenza delle cose di elizabeth brundage
  9. Sole di mezzanotte di jo nesbo
  10. L’isola di alice di daniel sanchez arevalo
  11. Il paese dei ciliegi di dorte hansen
  12. Il libro dei baltimore di joel dicker
  13. Nel labirinto di sigge eklund
  14. Il libro degli specchidi e.o. chirovici
  15. Quando l’amore nasce in libreria di veronica henry
  16. Ferro e sangue di liza marklund
  17. Il respiro del fuoco di federico inverni
  18. La donna che sparì con un libro di idra novey
  19. Musica nera di leonardo gori
  20. Il miniaturista di jessie burton
  21. Caffe’ amaro di simonetta agnello hornby
  22. La forma del buiodi mirko zilahy
  23. Gli eredi di wulf dorn
  24. Le bambine dimenticate di sara blaedel
  25. La musa di jessi burton
  26. I cacciatori di ingar johnsrud
  27. Dentro l’acqua di paula hawkins
  28. Piuttosto il diavolo di ian rankin
  29. Non lasciare la mia mano di michel bussi
  30. L’arte di morire di anna grue
  31. Yeruldelgger tempi selvaggi di ian manook
  32. Non ditelo allo scrittore di alice basso
  33. Questa notte morirai di viveca sten
  34. La strega di camilla lackberg
  35. Il tempo del male di arne dahl
  36. La testimone del fuoco di lars kepler
  37. Rondini d’inverno di maurizio de giovanni
  38. Piuttosto il diavolo di ian rankin
  39. A cantl’are fu il cane di andre vitali
  40. Non tornare indietro di sophie hannah
  41. Nessuna notizia dello scrittore scomparso di daniele bresciani
  42. L’arminuta di donatella di pietrantonio
  43. L’uomo che inseguiva la sua ombra di david lagercrantz
  44. La trappola di melanie raabe
  45. Rispondi se mi senti di ninni schulman
  46. Il silenzio dell’altopiano di steinar bragi
  47. Selfie di kjell ola dahl
  48. Mai dimenticare di michel bussi
  49. Il presagiodi anne holt
  50. Snob di julian fellowes
  51. La solitudine del ghiaccio di sheena kamal
  52. La neve sotto la neve di alessandro perissinotto

 

 

E’ così che si uccide

Un thriller che esprime tutte le angosce, le paure, le sofferenze e le umiliazioni con cui ognuno di noi, in modi diversi, cerca di convivere. La paura della malattia e della morte e insieme l’orrore della privazione della dignità umana. Tutti i sentimenti manifestati dai due opposti personaggi, il killer e il commissario, sono reali e presenti in chiunque abbia … Continua a leggere

Dopo aver letto Il cardellino di Donna Tartt

Immagine

Il Cardellino di Donna Tartt

cover225x225Quando leggo un libro mi piace diventare il più possibile, parte del contesto in cui la storia si svolge. E’ come guardare un film. Nella mia mente si tratteggiano i personaggi, i luoghi, le cose e ogni pagina che volto è  un fotogramma  che va ad impressionare la pellicola della mia fantasia. Ecco perché non mi interessa vedere prima il film e poi leggere il libro da cui è stato tratto, mi sembrano due realtà che si sovrappongono, mi sento derubata della mia immaginazione, del modo in cui quella storia si sarebbe svolta per me.
In questo caso nel libro ci sono riferimenti reali e concreti che ho voluto esaminare più da vicino a partire dal Cardellino che dà il titolo al romanzo.
Ho cercato su Google (benedetta la rete in questi casi!) e l’immagine che ho trovato rappresenta un delizioso cardellino tenuto legato per la zampetta ad un trespolo fissato contro una parete , forse all’esterno di un balcone, dipinto da Carel Fabritius nel 1654 in Olanda. Oggi questo quadro è conservato nel museo Mauritshuis de L’Aia, ma nel romanzo era esposto al Metropolitan Museum di New York .
Rispetto  la libertà di immaginazione della scrittrice per la quale il piccolo ritratto è solo un punto di partenza per la storia che ha voluto raccontare e che mi ha dato l’occasione di conoscere un pittore di cui non avevo mai sentito parlare.
Sono andata sulla mappa di New York e ho seguito il percorso che Theo e sua madre fanno prima dell’incidente fino al museo e mi sono sentita ancora più vicina a loro.
Quando poi nel ritratto della sua bella madre “fiera ed elegante come una puledra di razza” Theo ne descrive l’acconciatura dei capelli “raccolti in una coda bassa simile a quella di un nobiluomo uscito dalla Storia di Genji” ho scoperto che questo romanzo è considerato il capolavoro della letteratura femminile giapponese, primo esempio del romanzo psicologico.
Leggere è bello, ma rimanere legati solo alla trama non mi basta. Voglio entrare a far parte della storia che mi viene raccontata quanto più possibile, e questa estrema curiosità mi aiuta ad arricchire il mio patrimonio culturale. Naturalmente molto spesso i racconti che leggo sono frutto di fantasia e anche i riferimenti geografici non sempre corrispondono alla realtà, ma aiutano ad immaginare come può essere un giorno di freddo a Stoccolma o una giornata di pioggia a New York, come le vicissitudini dei personaggi raccontati, immaginate o no, siano differenti  se si svolgono al mare o in montagna.
Oggi, sempre leggendo il Cardellino,  mi sono lasciata guidare in una passeggiata da Washington Square alla Decima strada Ovest ( le mappe di Google mi hanno aiutato molto e la visione Earth riesce a farmi sentire veramente sul posto) alla ricerca di Hobart e Blackwell un negozio-laboratorio di antiquariato. Mi sono sentita veramente sotto gli alberi di questo viale un po’ British con le sue vecchie case rosse una attaccata all’altra con piccole gradinate che scendono sotto il piano stradale o salgono al primo piano.
Da New York si parte per Las Vegas in Nevada e qui comincia, da quel che ho potuto capire leggendo, il tempo dell’abbandono. Theo un ragazzo di 15 anni è lasciato spesso da solo anche per più giorni da un padre incosciente, nulla facente e beone e dalla sua compagna. Inizia la fase dell’alcool, della droga, dei furtarelli e delle cattive compagnie. Quante volte mi verrebbe voglia di gridare: “No Theo, no tutto questo non va bene!” poi mi rendo conto di essere solo una spettatrice, anzi una uditrice  di una storia che si è già svolta e che posso solo ascoltare e immaginare senza poter intervenire se non scuotendo la testa. Io tifo per quel cardellino solitario relegato su un trespolo attaccato al muro che guarda e può solamente interagire con quello che lo circonda, fino a dove la catena che lo tiene legato gli permette di arrivare.
Nel romanzo ho colto i traumi prodotti dagli attacchi terroristici, non solo i morti, le macerie, ma, nei sopravvissuti, i sensi di colpa, il dolore della perdita, la paura che stringe le viscere, la solitudine, l’impotenza distruttiva di ogni speranza futura. Ho riflettuto sulle vere vittime del terrorismo: i superstiti.
Un bambino che all’improvviso resta solo, incustodito, privato anche dell’affetto della madre, già suo unico riferimento dopo l’abbandono da parte del  padre alcolizzato, diviene facile preda di chiunque gli mostri un minimo d’attenzione senza badare allo stile di vita, al vizio, alla sregolatezza, alla disonestà.
“Se un quadro ti affonda davvero nel cuore e cambia il tuo modo di vedere e di pensare e di provare emozioni, non pensi, “oh, amo questo quadro perché è universale…” Non è questa la ragione per cui ci si innamora di un’opera d’arte. E’ un sospiro segreto in un vicolo,  … un intimo colpo al cuore. “ “…un quadro veramente grande è abbastanza fluido da farsi strada nella mente e nel cuore da ogni possibile angolazione, in modi unici e molto particolari. Sono tuo, tuo. Sono stato dipinto per te.”

 

 

Letture del 2015

Il 2015 è stato il mio primo anno di pensione e come previsto ho dedicato un po’ di tempo in più alla lettura. Sono una appassionata di gialli e ho deciso di dedicarmi all’approfondimento di questo genere letterario con un minimo di metodo cercando di colmare le lacune relative alla conoscenza dei nuovi autori che circolano nelle librerie. Uno spunto … Continua a leggere

Dopo aver letto Lo strano caso dell’apprendista libraia

Lo strano caso  dell’apprendista libraia di Deborah Meyler Non so dare un giudizio su questo libro perché non risponde pienamente a quello che mi aspettavo. Con ciò non voglio dire che non sia un buon libro, ma la protagonista avrebbe potuto fare qualsiasi altro mestiere, perché non è tanto la libreria in cui lavora che la qualifica, ma le persone … Continua a leggere